…FINALE THRILLING!

Global Projet Romano Basket – NBB Brescia 68 – 55

Romano Basket: Zoljan 13, Bellazzi 7, Scaravaggi 6, Gualandris 15, Malgarini 9, Turco 5, Andreol, Duiella 4, Cozzi 3, Barcella 6. All. Braga.
NBB Brescia: De Guzman 9, Ramanzini 2, Testa 7, Marciano, Bertini 9, Lesko 15, Simoncini 11, Saletti, Brunelli 2, Roversi. All. Marinucci.
Arbitri: Mangoni e Gallo.
Parziali: 18-18, 32-43, 50-50, 68-55.

ROMANO DI LOMBARDIA – Tu chiamale, se vuoi, emozioni. Romano vince con il cuore su Brescia (68-55), conquista i due punti della speranza in ottica salvezza e regala un compleanno da favola al presidente Lamera. Per il verdetto stagionale definitivo, però, bisognerà attendere l’ultima giornata della stagione regolare, quando la Global Projet proverà a superare la Pompea Asola con un orecchio rivolto sugli altri campi, in attesa di buone notizie dalle dirette concorrenti Albino e Milano (diversamente i playout sarebbero cosa certa). Come detto, è il cuore a prevalere sulla tecnica contro i bresciani: la formazione di coach Braga si complica la vita nel primo tempo, rientra negli spogliatoi sotto di undici, ma quando tutto sembra compromesso sfodera una seconda frazione da applausi. Il tutto grazie a una prestazione totale, dove ciascuno dei dieci convocati scrive la sua parte e si ritaglia una serata di gloria in un palazzetto che con il passare dei minuti diventa il sesto uomo. La partenza è favorevole agli ospiti, con Testa e Lesko che firmano lo 0-4. Il vantaggio dura pochissimo, perché al 3’ il tabellone luminoso dice 6-6. La tripla di Cozzi significa +3 (9-6), che diventa +5 (15-10) grazie a Turco e Gualandris a 2’30’’ dallo scadere. La reazione dei bresciani è però convinta e produce l’aggancio (16-16) con la penetrazione di Brunelli. Turco riporta avanti i suoi, ma De Guzman con l’aiuto fortunoso del tabellone chiude il primo quarto sul 18-18. Negli istanti iniziali del secondo periodo i punti scarseggiano: per vedere il primo canestro, targato Zoljan, bisogna attendere infatti tre giri d’orologio. Lesko e Simoncini consentono a Brescia di rimettere il naso avanti (21-22), con Bellazzi a ristabilire le gerarchie (23-22). Il fallo tecnico contro Romano complica poi maledettamente le cose e la compagine di Marinucci vola sul +5 (23-28) a 5’ dalla pausa lunga. Malgarini e Gualandris riportano la situazione in parità (28-28), poco prima di una bomba griffata Bertini che equivale al 28-31. Il divario aumenta nei minuti conclusivi del quarto, quando Brescia raggiunge il +7 (28-35) a 3’ dagli spogliatoi. Gualandris mette a segno due punti preziosi, ma non bastano di fronte alla cavalcata degli sfidanti, che vanno a riposo con un pesantissimo +11 (32-43). Malgarini e Scaravaggi riaccendono le speranze ad inizio terzo quarto (36-43), anche se i bresciani non danno segni di cedimento e proseguono a martellare portandosi sul 36-48. Quando tutto sembra ormai compromesso, Romano sfodera l’orgoglio e inaugura l’operazione rimonta: prima Duiella dalla lunetta, poi Zoljan dalla lunghissima distanza e ancora Duiella firmano il 46-50 a 2’ dalla terza sirena. L’aggancio è nell’aria e giunge puntuale negli ultimi 60’’ grazie a Malgarini, su perfetto assist di Zoljan, e Scaravaggi, bravo a correggere un pallone finito sul ferro (50-50). Il pubblico romanese va ufficialmente in delirio e spinge i suoi beniamini verso l’impresa nel quarto e ultimo periodo. Solo De Guzman riesce a zittire il tifo (50-52) dopo una palla rubata, ma per Brescia è l’inizio della fine. Zoljan realizza la tripla del 53-52, anticipando sei punti in rapida successione di Barcella, che diventa il trascinatore inaspettato. Sul 59-52, a 5’ dal termine, la Global Projet inizia a credere nell’impresa, senza mai perdere la concentrazione. Così la bomba di Testa (59-55) serve solo da consolazione agli ospiti, perché Bellazzi e Zoljan mettono poi il punto esclamativo sul trionfo romanese (36-12 il parziale schiacciante del secondo tempo). Un passo importante verso una salvezza diretta che, pur legata a combinazioni cervellotiche, non appare così impossibile.

forza romano basket
norman


Nessun commento:

Posta un commento