SERATA DA…DIMENTICARE!

Comark Bergamo – Global Projet Romano Basket  83-59 (47-25)
Parziali dei quarti: 24-12, 23-13; 20-19, 16-15.
Comark: Leone 18, Donadoni 8, Mazzucchelli 1, Lorenzetti 9, Crippa 10, Flaccadori 7, Spatti 17, Tedoldi 2, Franzoni 9, Pace 2. All. Zambelli
Romano Basket: Zoljan 2, Bellazzi 4, Gualandris 14, Malgarini 7, Turco 5, Andreol 2, Duiella 4, Cozzi 10, Barcella 6, Colombo 5. All. Carioli
Arbitri: Spozio e Velardo

Il derby generazionale fra Global Project e Co.Mark Treviglio punisce la più esperta formazione romanese, che si vede rifilare la bellezza di 24 punti (risultato finale 83-59) dai talentuosi ragazzini di coach Zambelli dopo una partita dominata fin dalla palla a due. Una brutta figura per Carioli e compagnia che, dopo aver espugnato la Bombonera settimana scorsa, non riesce a ripetersi su un altro campo prestigioso come il PalaFacchetti: la luce che sembrava essersi riaccesa con la vittoria contro Verolanuova (arrivata dopo cinque sconfitte consecutive), torna a spegnersi facendo precipitare nuovamente Romano ai piani bassi della classifica.Una partita dai caratteri antitetici quella di venerdì: da una parte la freschezza e l'atletismo di una squadra di sedicenni/diciassettenni dalle grandissime potenzialità ma che hanno ancora molto da imparare dalla palla a spicchi; dall'altra l'esperienza e la lucidità di un gruppo di giocatori navigati, ma che di sicuro non possono eguagliare lo strapotere fisico della squadra avversaria. I padroni di casa non concedono un centimetro fin dal primo minuto di gioco: Leone e Flaccadori fanno sudare le proverbiali sette camicie a Turco e Bellazzi per riuscire a portare la palla nella metà campo offensiva, Spatti e Crippa invece fanno da padroni sotto le plance strappando troppi rimbalzi (soprattutto in attacco). I primi minuti si rivelano subito fatali per gli ospiti, che dopo il 13-2 iniziale non saranno più in grado di ritornare in carreggiata, chiudendo la prima metà di gara sul punteggio di 47-25.Al rientro dalla pausa lunga la lavata di capo di coach Carioli sembra dare nuovo vigore ai suoi, e la Global Project trascinata da un paio di giocate di Gualandris riesce a riportarsi sul meno 16, costringendo Zambelli a chiamare minuto. I padroni di casa però si riorganizzano immediatamente e riprendono subito le venti lunghezze di vantaggio che manterranno fino al quarantesimo minuto.Ora Romano deve guardarsi alle spalle, attenta a non farsi recuperare quella manciata di punti che ancora la separano da Gorle e Albino. I prossimi due turni saranno entrambi in casa, prima contro Cassano e poi contro Soul Basket, entrambe le squadre seguono la Global Project a poca distanza. Per Romano vietato sbagliare.
forza Romano Basket
edo

Nessun commento:

Posta un commento